Udinese derubata a Torino, Abisso e il Var condannano i friulani

di Stefano Fabbro
articolo letto 515 volte
Foto

Commentare la partita avrebbe poco senso, visto che essa stessa è stata falsata da una decisione folle da parte del direttore di gara Abisso, il quale ha voluto diventare protagonista annullando un gol a Barak, il cui motivo probabilmente non lo ha capito nemmeno l'arbitro stesso. 
Ma andiamo con calma, l'Udinese esce sconfitta per 2-0 dallo stadio Olimpico di Torino, i bianconeri di Oddo si sono sicuramente espressi meglio in altre circostanze, ma ciò che è successo ieri nel primo tempo contro i granata fa gridare allo scandalo e fa passare in secondo piano tutti gli aspetti tecnico-tattici che la partita ci ha regalato. Il match di ieri pomeriggio rappresentava un vero e proprio scontro diretto per l'Europa  e il signor Abisso ha deciso di togliere momentaneamente questo sogno ai tifosi bianconeri, fischiando un fuorigioco inesistente quanto inutile ai fini dell'azione a Maxi Lopez sul cross che ha portato al gol di Barak. La rete del ceco, inizialmente convalidata è stata annullata per un fuorigioco ridicolo e inventato dall'arbitro dopo ben 5 minuti di silent check con il Var, questo episodio è stato come un vero e proprio cazzotto in faccia per tutti i bianconeri di Oddo, che da li in poi non sono stati più capaci di reagire e di giocare con la foga agonistica dei primi venti minuti, subendo il gol dello svantaggio su corner, il quale però non doveva esserci per una evidentissima spinta di Belotti ai danni di Larsen. Come si suol dire, oltre al danno, anche la beffa, dopo il furto del gol annullato a Barak dopo pochi minuti arriva anche il gol dello svantaggio, viziato da una spinta non vista dal direttore di gara che ha deliberatemente condannato l'Udinese e rovinato quella che sarebbe stata una partita sicuramente più aperta e combattuta. 
Una riflessione sorge spontanea dopo lo scandalo di ieri pomeriggio: ma se il Var deve intervenire solo per episodi clamorosi, perchè ieri il signor Abisso ha deciso di interpellarlo per un gol limpido e regolarissimo?! Ma soprattutto se dopo ogni gol bisogna aspettare dieci minuti per capire se si può esultare o meno allora cambiamo nome a questo sport, perchè non è più calcio, e sinceramente, a parità di polemiche, si stava meglio senza la tecnologia. 


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy