Ma questa squadra qua, a Napoli, cosa ci va a fare?

di Stefano Fabbro
articolo letto 2380 volte
Foto

Doveva essere la partita della vita, l'avevano preparata come una finale affermavano Oddo e i giocatori nel pre partita, ma alla fine per l'ennesima volta, per la nona volta consecutiva, l'Udinese esce dal campo sconfitta e a testa bassa, perchè ancora una volta a questi giocatori è venuta a mancare la dignità e la voglia di lottare e sudare per una maglia che ormai non ha più valore per nessuno, se non per quei poveri tifosi che hanno speso tempo e soldi per seguire un altro scempio in giro per l'Italia.


Le colpe della società le abbiamo più volte ripetute e analizzate, questa squadra è fondamentalmente scarsa, lo stesso mister Oddo è arrivato ad affermare che i suoi ragazzi non sono in grado di fare possesso palla. In Serie A una lacuna del genere è abbastanza grave ed è sintomo di come questa Udinese sia stata costruita senza un minimo di raziocinio. Giocatori comprati completamente a caso, basti pensare al fatto che l'unico metronomo dei bianconeri è un ragazzino classe 97 che di certo non può essere il salvatore della patria. Se togliamo Lasagna poi questa squadra non è in grado di segnare neanche a porta vuota, vista la pochezza tecnica dei più volte criticati Perica e Maxi Lopez. 


Ma se da una parte c'è una società completamente assente e che ormai fa i suoi interessi in un altro Paese in cui a governare siede una regina, in campo sono i giocatori ad andarci, e dopo aver assistito ad una sciagura simile, anche a Cagliari, contro una squadra in crisi come la nostra, viene spontaneo chiedersi se a questi finti fenomeni che Oddo decide di mandare in campo gliene freghi qualcosa della salvezza del club per cui giocano, e, viste le prestazioni, sembra proprio che gli unici a soffrire per questi risultati siano davvero solo i tifosi. Perchè una squadra con la paura della Serie B non subisce miliardi di gol da palla inattiva, non si addormenta ogni volta nei momenti fondamentali del match, ma lotta e corre con il coltello tra i denti, cosa che probabilmente i nostri De Paul, Jankto e Samir, non sanno neanche cosa voglia dire.

 
Come se non bastasse, dopodomani si andrà a Napoli, contro una squadra in cerca delle ultime speranze per sognare ancora lo scudetto, mentre noi, a meno di miracoli, torneremo a casa con l'ennesima sconfitta e soffriremo in attesa di quella che veramente diventa la partita della vita, il match contro il Crotone. Ed è bene iniziare a pensare sin da subito alla sfida contro i calabresi, perchè questa vergogna di squadra, al San Paolo, è meglio che proprio non ci metta piede, e fidatevi che non è bello per nessun tifoso sapere di aver già perso ancora prima di scendere in campo. 


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI