Italia, Mancini si presenta a Coverciano: "La Nazionale è la massima aspirazione per un allenatore. Qui per vincere l'Europeo e il Mondiale"

di Stefano Pontoni
articolo letto 190 volte
Foto

Nella sala stampa di Coverciano, è stato presentato oggi il nuovo tecnico della nazionale italiana, Roberto Mancini.

"Sono emozionato perché la panchina della nazionale non è un qualcosa di banale. Voglio ringraziare commissario, subcommissario, Michele (Uva ndr), mi hanno fatto sentire quello che volevano al 100%. Sono orgoglioso, per uno come me che venne a Coverciano nel 1978 con l'under14... diventare l'allenatore della nazionale è una delle cose più belle. Sono felice per questa scelta anche per i miei genitori, penso siano felici. Ringrazio i tecnici che ho avuto da giocatore, sono stati molto importanti".

Sulla scelta della Nazionale. "Penso che diventare il commissario tecnico sia la massima aspirazione per ogni allenatore. Poi nei momenti di una carriera, per ognuno di noi, c'è da prendere delle decisioni. Chi preferisce un club, chi ha bisogno di vedere i giocatori tutti i giorni. Sono tanti anni che alleno, questo è il momento giusto perché bisogna fare qualcosa per la Nazionale, non essere andati ai Mondiali - per chi tifa da sempre - è una cosa difficile. Credo che ogni tecnico aspiri a diventare ct".

Sui ruoli di Pirlo e Balotelli. "Questa è la cosa più bella della Nazionale, non avremo problemi di questo tipo. I giocatori, in Italia, sono tanti, anche nei momenti difficili. Si possono trovare sempre calciatori con qualità. Sicuramente parleremo con Mario, probabilmente lo porteremo, fa parte di quei giocatori che vogliamo rivedere come agli Europei di Prandelli. Ci sono diversi giocatori che possono essere molto utili. Dobbiamo parlare con Pirlo e vedere cosa vorrà fare".

Sulle idee. "Il mio rapporto con la nazionale è durato tantissimo, credo di essere stato l'unico ad avere come tecnici Bearzot, Vicini e Sacchi. Un periodo non fortunatissimo, ma sono stato tanti anni a Coverciano. Purtroppo non abbiamo vinto né Mondiale né Europeo, ci siamo andati vicini. Vorrei essere un ct perbene, vorrei portare l'Italia sul tetto del Mondo e d'Europa. La Nations League, primo appuntamento importante, è fra poco. Spero di riportare la nazionale ad alti livelli. C'è da lavorare molto, penso che potremo farcela".

Sulle possibili convocazioni. "Non credo sia un problema non allenare tutti i giorni, ma continuo a dire che ci sono sempre bravi giocatori, magari ci vorrà un po' più di tempo, ma credo che potremo mettere insieme una buona squadra. Con Buffon parleremo per la partita di Torino. Abbiamo avuto poche ore, sono arrivato ieri mattina. I numeri? Alla fine sono undici in campo".

Sull'importanza della nazionale. "Per noi è stato un lutto enorme, però queste cose accadono. Alle volte si dà la colpa all'allenatore e questo non è nemmeno giusto. Come siamo stati migliori al mondo, può capitare il momento difficile. Bisogna avere rispetto dei club e dei giocatori, ci sono tantissime partite. Dovremo cercare di dare una rosa di giocatori ampia, che dia la possibilità di far riposare qualcuno".

Sulla sfida più difficile della carriera. "Non so se lo sarà, se alleni un club quando non vinci sono tutti arrabbiati con te, qua sono 50 milioni di persone. È anche il bello, perché se vinci qualcosa di importante poi è una bella soddisfazione. La sfida non è semplice ma non c'è nulla di facile".

Su De Rossi e Buffon. "Beh, hanno dato molto alla nazionale. Sicuramente ci parleremo per capire le loro intenzioni, quando inizieremo a giocare chiameremo quelli più in condizione. Staff? Abbiamo avuto troppo poco tempo, ma non sarà un grande problema".

Su Criscito. "In nazionale ci sarà spazio per tutti quelli che faranno bene, poi dovremo anche crescere, quindi punteremo sui giovani. Criscito è ancora al 100%, in Russia avevo finito la mia esperienza, sono molto felice di essere qui".

Sui tifosi. "Dovremo essere noi a riavvicinarli, perché quando la nazionale gioca i tifosi sono tantissimi e sono molto vicini. Le altre cose sono dedizione, lavoro, tutte cose abbastanza normali. Sono tutti giocatori professionisti al 100%, molto seri. Una cosa importante è questa, i giocatori che arrivano alla Nazionale devono tirare fuori i sogni che hanno nel cuore. Quando uno pensa, da giovane, guardando le partite alla tv, uno sogna".

Sui problemi della nazionale. "Non chiedo stage, se avremo la possibilità ne faremo ma più per chiamare qualche giovane, per conoscerli meglio. Ma, come ho detto prima, i giocatori viaggiano ogni tre giorni, non è così semplice. Dovremo essere veloci a trovare una base di squadra da portare. Le seconde squadre sono un'ottima cosa, sperando che giochino molti italiani".​​​​​​​

Sul calcio spettacolo in Nazionale. "Penso che chi riesce a giocare bene - e non sempre accade, ci sono delle volte che non ci riesce - poi vince perché è migliore. Chiaro che noi cercheremo di avere il maggior numero di giocatori tecnici per un ottimo calcio".

"Non vuol essere una conclusione, perché ci siamo detti tutto. Bisogna essere riconoscenti per chi mette l'anima in quello che fa. RIngrazio Di Biagio, perché ha avuto la guida della nazionale in due partite importanti. Ha creato un bellissimo clima in quella trasferta, ha fatto bene. Ora torna alla guida dell'Under21, ci sarà il campionato in Italia, speriamo abbia la finale a Udine, per riuscire ad arrivare alle Olimpiadi. Sarei felice se l'8 di giugno ci fosse la presenza con la nazionale femminile che gioca contro il Portogallo per la fase finale della Coppa del Mondo".

 

 


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy