Primo test poco indicativo, ma Thereau vede subito la porta

di Stefano Fabbro
articolo letto 700 volte
Foto

Ieri pomeriggio l'Udinese è scesa in campo per il primo impegno amichevole del pre-campionato contro la Rappresentativa del Friuli Venezia Giulia, partita terminata con il risultato di 5-1. Visto il basso livello degli avversari la partita di ieri non può aver lasciato dei riscontri significativi, ciò che è apparso è che i bianconeri hanno ovviamente le gambe molto pesanti causa inizio di preparazione. Nonostante questo ci sono anche dei segnali positivi, il primo è che Delneri ha deciso di ripartire dal canovaccio tattico con cui aveva concluso la scorsa stagione, l'Udinese infatti in entrambi i tempi è scesa in campo con il 442, sintomo del fatto che il modulo di base non si tocca. L'altro segnale importante arriva dall'attacco, da Cyril Thereau, che ha già fatto capire di voler essere importante anche in questa stagione,  mettendo a segno una doppietta nel primo impegno stagionale della sua squadra. Chiaramente per uno con le sue qualità una doppietta contro queste squadre modeste dovrebbe essere più che normale, ma la voglia del francese di volersi prendere in mano l'Udinese si è vista sia ieri, ma si è potuta capire anche dalla sua voglia di rimanere qui in Friuli e forse anche di voler terminare qui la carriera. Dopo le critiche ricevute nella parte finale della stagione in cui il francese non riusciva ad esprimersi al meglio per via della scarsa condizione fisica, quest'anno Cyril vorrà partire subito in quarta per prendersi in mano l'Udinese, anche sfruttando il nuovo ruolo da prima punta che Delneri ha in mente per lui, facendogli spendere molto meno dal punto di vista fisico durante la partita. 
"Monsieur" ha fatto subito capire che lui c'è anche quest'anno e come sempre cercherà di raggiungere la doppia cifra e se motivato al meglio, il numero 77 potrà essere ancora una volta un fattore importante per questa Udinese di Gigi Delneri. 


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI